America On My Mind


America on my mind è un omaggio agli Stati Uniti d’America, continente che, più di altri, ha saputo sfruttare il saxofono e le sue differenti caratteristiche timbriche. Il programma del concerto, dedicato alle musiche del Novecento, prevede brani tratti dalle opere di compositori che hanno utilizzato il saxofono in ambito classico come ponte verso le nuove sonorità della musica swing o etnica.

Si ascolterà la musica per quartetto si saxofoni di Philiph Glass, considerato tra i capofila del minimalismo musicale, accanto alle bellissime melodie dell'Adagio per Archi di Samuel Barber.

Non manca in questo programma la musica originale, infatti, un brano composto appositamente per il quartetto Saxofollia dal compositore Roberto Sansuini, vuole celebrare nello stesso tempo il grande saxofonista Lester Young ed il mitico contrabbassista Charles Mingus.

Anche "Diffusion", il quartetto in quattro movimenti del compositore Gordon Goodwin, vuole essere una piccola carrellata tra differenti generi musicali come minimale, swing, bop e funky.

Un programma dalle diverse tinte coloristiche, continuamente in bilico tra differenti generi e volutamente altalenante tra musica classica e jazz a ricordare quella che è stata la storia del saxofono portata in scena, in questo spettacolo, dal quartetto Saxofollia.